Pizza: Come fare la pizza a casa

Quella della pizza è una ricetta semplice solo in apparenza e che può variare sensibilmente in base agli ingredienti e al forno utilizzato.

La cottura casalinga della pizza inoltre non può avvenire come quella in pizzeria a causa delle diverse temperature raggiungibili dai forni, quindi, necessita di alcune attenzioni.

Ma andiamo per ordine e cominciamo dalla farina. Quelle normalmente in vendita sono delle farine “deboli” e riescono ad assorbire un 50% di acqua rispetto al loro peso. Questo vuol dire che se volete impastare mezzo chilo di farina dovrete usare circa 250 grammi di acqua. Alcune farine riescono ad assorbire anche più del 50% come ad esempio la “barilla farina per tutte le preparazioni”. Conviene fare dei tentativi e segnarsi i risultati, l’importante che alla fine l’impasto non si appiccichi alle pareti.

Per quanto riguarda il lievito, quello che viene venduto al supermercato è lievito di birra, che deve essere sciolto in acqua tiepida e non calda perchè altrimenti rischiate di ucciderlo, mentre se è troppo fredda rischiate che non si attivi.

Come fare una buona pizza a casa

Come fare una buona pizza a casa

Personalmente, considerando un impasto con 500 grammi di farina, utilizzo 1/3 del cubetto che corrispondono a circa 8 grammi. La lievitazione avverrà in 3/4 ore a seconda della temperatura esterna (più è calda e prima avviene). E’ possibile mettere più lievito ed accelerare il processo di lievitazione ma così facendo è anche possibile che la pizza una volta mangiata dia un senso di pesantezza dovuto appunto ad errata lievitazione.
E’ anche possibile utilizzare meno lievito rispetto a quello che ho consigliato ma la lievitazione avverrà in un lasso di tempo molto più ampio.
In genere uso sciogliere il lievito in una tazzina con poca acqua tiepida e un pizzico di zucchero che serve per attivarlo più velocemente.

Quindi ricapitolando gli ingredienti per l’impasto della pizza sono:
500 gr di farina
250 di acqua
8 gr di lievito
1 pizzico di zucchero
15 gr di sale
1 cucchiaio e mezzo di olio d’oliva

Mettete nell’ordine riportato tutti gli ingredienti in una pentola di adeguate dimensioni o nel robot da cucina (impastatrice):
Farina, lievito sciolto in acqua e zucchero, acqua, olio e sale.
Cominciate ad impastare fino a quando non avrete ottenuto un impasto morbido, elastico e che non si attacca alle pareti della pentola o dell’impastatrice.

La pizza prima di infornarla

La pizza alla prima infornata

A questo punto realizziamo una palla di impasto e mettiamola dentro una pentola che copriremo con un canovaccio inumidito. Dentro la pentola il nostro impasto dovrà riposare le ore necessarie per la lievitazione.
Se mettete la pentola in frigo il processo di lievitazione viene bloccato. Questo potrebbe essere interessante qual’ora ad esempio si decida di preparare la sera prima, l’impasto che servirà a pranzo, infatti la lievitazione diverrà più evidente quando toglierete la pentola dal frigo.

Quando la lievitazione sarà ultimata, accendere il forno impostandolo alla massima temperatura e stendete l’impasto della pizza che alla fine dovrà essere alto mediamente mezzo centimetro.

Sopra l’impasto mettete dei cucchiai di passata di pomodoro con un pò di zucchero, un pizzico di sale ed infornate nella parte bassa del forno. Dopo una decina di minuti sfornate la pizza e ricopritela col formaggio, un filo d’olio d’oliva e gli altri ingredienti desiderati.
Re-infornate nella parte alta del forno per altri 3-5 minuti e servite 🙂

Il risultato finale della pizza fatta in casa

Il risultato finale della pizza fatta in casa

A fine cottura noterete che l’altezza della pizza sarà di circa 1 cm o poco più.

Per quanto riguarda il formaggio, io sconsiglio fortemente l’uso della mozzarella in quanto spesso è troppo “acquosa” e rischia di allagare letteralmente la pizza compromettendone il risultato finale. Vi sono prodotti decisamente più adatti come il fior di latte o altri preparati.

You can leave a response, or trackback from your own site.

One Response to “Pizza: Come fare la pizza a casa”

  1. iaccarinoantonino says:

    ciao, non si può scrivere farina, acqua e sale, io uso farina 0 manitoba lo conte ed assorbe quasi il doppio dell’acqua, che poi la metto gassata, poi la cuocio sulla pietra lavica a gas e sopra con il cannello bruciatore a gas gli do una soffiatina di 400 gradi ed non imito ma supero la professionalita’ e l’esperienza dei pizzaioli che sono dei buoni manuali ma scarsi di palato. mandami l’email ti invio le foto del mio forno a gas che si cuoce in 90 secondi, ciao Antonino da Sorrento.

Leave a Reply